LA CRISI? IN ITALIA LA SENTIAMO DI PIU’

L’Italia, tra i grandi paesi europei, è quello che soffre più di tutti la crisi. Detta così non sembra una grande novità, visto che imprese e famiglie se ne erano accorte già da tempo. A confermarlo arriva, inesorabile come un colpo di mannaia, l’Unione Europea. Nel rapporto trimestrale sull’occupazione redatto dalla Commissione Europea, emerge che nell’ultimo trimestre del 2012 nello stivale la produttività e l’occupazione sono scese in misura maggiore rispetto agli altri stati membri.
La disoccupazione nel Belpaese è salita, negli ultimi mesi dello scorso anno, dello 0,5 per cento, mentre la produttività è scesa del 2,8 per cento. Sempre secondo la Commissione Europea, il 15 per cento della popolazione italiana è in difficoltà economiche. Ma è tutta l’eurozona a soffrire, visto che a fine 2012 il Pil dell’Ue è sceso dello 0,5 per cento, la più grande contrazione dal 2009, mentre a gennaio il numero dei disoccupati ha toccato quota 26 milioni di persone.
Tornando alla situazione italiana, i problemi sono individuabili nella pressione fiscale, nel costo del lavoro e nei salari troppo bassi. In Italia, infatti, il reddito medio è di 25mila dollari. Dato che colloca la Penisola al 22esimo posto sui trentaquattro paesi dell’Ocse ed all’ultimo posto tra i maggiori paesi europei.

Taggato con: , , , , , , , , , ,
Pubblicato in Aryavarta News

Iscrizione al Blog via Email

Inserite il vostro indirizzo email per iscrivervi a questo blog e ricevere notifiche di nuovi post per email.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: